Premio San Fedele Musica 2010/2013

Bando e Tema
  
PREMIO SAN FEDELE GIOVANI ARTISTI│MUSICA
Tema e Bando di concorso

Il Presmio San Fedele fa parte della rete europea Ulysses Network Project

TEMA
Il Premio San Fedele giovani artisti si articola nelle tre sezioni di Artivisive, Cinema e Musica. Si propone come laboratorio espressivo e cantiere creativo, finalizzato alla formazione di giovani artisti, filmmaker e musicisti e alla produzione di lavori originali nati da un’elaborazione e riflessione su temi specifici proposti dalla Fondazione Culturale San Fedele.

Un percorso umano e professionale
I lavori prodotti all’interno del Premio nascono, dunque, da una vera e propria commissione, la cui finalità è quella di permettere ai giovani di riflettere sul significato più profondo dell’arte, in relazione ai temi della vita e della società, contro la tendenza attuale a un’arte troppo autoreferenziale, ripiegata su se stessa.
Il Premio San Fedele si propone di avvicinare i giovani artisti, registi e musicisti alla cultura e alla pratica artistica contemporanea; di avviarli a un consapevole percorso umano e professionale; di favorire l’incontro tra giovani artisti e pubblico di professionisti e appassionati dell’arte; maturare attraverso l’arte dei giovani un confronto su temi di valore umano, spirituale e culturale; promuovere una riflessione sullo stato dell’arte nelle sue diverse declinazioni.
Obiettivo è quello di offrire a tutti, in primo luogo ai giovani artisti, registi e musicisti, la possibilità di recuperare l’arte nella sua totalità, nei suoi valori più veri e più vivi; di portare una verità sull’esistere dell’uomo, sul suo mondo, sulla sua fantasia, parlando della sua ricerca d’identità, del suo desiderio di assoluto.
L’iniziativa è dunque volta a permettere un momento di riflessione e di sperimentazione sul significato più profondo dell’arte, affinché l’espressione artistica possa essere sempre più in relazione con l’esistenza umana, contro ogni tendenza estetizzante che priverebbe l’arte delle sue dimensioni più profonde.
Molto spesso, l’arte contemporanea si presenta come un’elaborazione di giochi formali, di artifici che costruiscono un’estetica “fredda”, nel suo completo distacco dai problemi dell’uomo.
L’iniziativa vuole al contrario promuovere un’arte intesa come possibilità d’incarnare un senso che parli dell’esperienza umana e di ciò che la trascende, perché l’uomo possa crescere e trasformare la realtà in cui vive.
Questa è l’eternità dell’arte: quando l’espressione estetica, che nasce da una cultura storicamente determinata, è in grado di esprimere un valore assoluto per l’umanità.

Per favorire un inserimento nel mondo dell’arte
L’iniziativa vuole inoltre avviare i giovani a un percorso professionale, grazie al quale sia possibile inserirsi con maggiore facilità nel mondo del lavoro. Spesso i giovani mancano di ambienti in cui poter approfondire una seria riflessione sull’arte e grazie a cui farsi conoscere. Il mondo artistico è caratterizzato da prassi prevalentemente imposte dai circuiti commerciali, che stabiliscono il valore delle opere e degli artisti, in modo talvolta indipendente dalla qualità dei loro lavori. Per i giovani filmmaker, invece, è spesso difficile trovare realtà che li aiutino nella loro prima, seria produzione cinematografica. Anche per il settore musicale, non è sempre facile per i giovani trovare spazi in cui potersi esibire e farsi conoscere.
In questo senso, il Premio San Fedele vuole fornire alcune risposte a bisogni reali del mondo artistico nei tre diversi aspetti dell’arte, del cinema e della musica.

All’interno di un progetto più vasto
Il Premio si inserisce all’interno di una struttura, quella della Fondazione Culturale San Fedele, in cui si svolgono numerose attività di carattere artistico, cinematografico, musicale e editoriale.
Per quanto riguarda il settore musicale, il Premio si inserisce in una tradizione concertistica e formativa ben più antica, che risale addirittura al periodo barocco, quando operava e insegnava nella Chiesa di San Fedele il compositore Giovanni Battista Sammartini (1700-1775).
Per la realizzazione del Premio, la Fondazione si avvale di alcuni spazi importanti: la Galleria San Fedele, la cui sede attuale risale al 1968, e che sarà nel corso del 2010 rinnovata; l’Auditorium San Fedele (500 posti), aperto nel 1968 e acusticamente riqualificato nel 2010; la sala della Trasfigurazione, che accoglie circa 100 posti. Infine la Chiesa tardo-rinascimentale progettata dall’architetto di origine bolognese Pellegrino Tibaldi, tra le opere più significative dell’architettura del XVI secolo in Italia.
Ogni spazio è deputato ad accogliere le iniziative di ogni singolo percorso artistico. In questo senso la Galleria San Fedele accoglierà le iniziative dei giovani artisti, l’Auditorium le iniziative dei giovani registi, la sala Trasfigurazione le prove dei giovani musicisti, mentre i concerti potranno essere svolti nella Chiesa o nell’Auditorium. Inoltre, la disponibilità di questi spazi offre la possibilità di contaminazioni, vale a dire di iniziative congiunte di arte, musica e cinema. Non solo, sarà anche possibile esporre opere di giovani artisti nella Chiesa di San Fedele e pensare contemporaneamente alla realizzazione di un concerto, in modo che le iniziative possano caratterizzarsi come “eventi” in cui i diversi percorsi si intrecciano in iniziative interdisciplinari.
In breve, il Premio San Fedele nasce dalla volontà della Fondazione Culturale San Fedele di offrire ai giovani un luogo d'incontro, uno spazio all'interno del quale discutere i propri lavori e presentare il proprio itinerario artistico e umano, al fine di confrontarsi, di animare un dibattito sulle scommesse dell'arte di oggi e di produrre opere significative per la società contemporanea.

MUSICA
La musica colta occidentale, dopo gli anni Cinquanta, è stata caratterizzata, da una parte, dalla produzione di un numero considerevole di opere di grande rilievo e, dall’altra, da una progressiva chiusura comunicativa al grande pubblico. In particolare in questi ultimi anni, l’odierna musica d’arte è in generale percepita come una forma espressiva di difficile accesso, elitaria e in completa rottura con i diversi linguaggi della musica colta del passato. Non a caso, da un decennio, alcuni Festival e associazioni concertistiche europee propongono nuovi moduli di programmazione che integrano opere musicali recenti in programmi ben strutturati dove figurano anche brani di riferimento del repertorio musicale occidentale.
Oggi, vengono denominati senza imbarazzo e con spontaneità “giovani compositori” persone nate prima del 1975. Dunque, i giovani compositori destinatari di commissioni eseguite durante festival e stagioni concertistiche sono generalmente persone di circa quarant’anni. Mentre i veri giovani, i compositori nati dopo del 1975, non dispongono in pratica di alcuno spazio di produzione musicale.
Il concorso per giovani compositori parte da questi due principali dati oggettivi dell’odierna situazione della musica contemporanea per proporre ai giovani compositori nati dopo il 1975 un’esperienza formativa e professionale integrata, in un ciclo di tre anni. L’obiettivo principale è quello di permettere ai giovani compositori selezionati di scrivere, guidati da compositori professionisti, brani musicali tenendo conto dell’aspetto comunicativo da instaurare con l’uditore. Ogni anno verrà composto ed eseguito un nuovo brano sempre più impegnativo partendo dalla tematica del Premio.

Il percorso triennale del Premio San Fedele per giovani compositori

Primo Anno
Comprende la fase formativa comune, la presentazione delle opere, le discussioni tematiche e la composizione di un brano musicale di 3 minuti.
Le iscrizioni al primo anno si chiudono entro settembre 2010. Nel mese di ottobre si svolge la selezione di un gruppo di 25 candidati che parteciperanno alla fase principalmente formativa del primo anno. Questa tappa comporta diversi incontri tra ottobre e aprile. Una parte di ogni incontro sarà dedicata al percorso formativo comune alle tre sezioni del Premio San Fedele con conferenze e incontri seminariali tenuti da professori su tematiche filosofico-antropologiche, l’altra parte consiste nella presentazione di opere musicali di ogni candidato in presenza di compositori e strumentisti professionisti e di critici musicali. Sarà discussa insieme la maniera con la quale ogni compositore prende in conto la dimensione comunicativa con il pubblico nel suo lavoro di scrittura musicale. Gli ultimi tre mesi saranno dedicati alla composizione di un breve brano di tre minuti per strumento solista. Sulla base delle opere scritte nel passato presentate dai candidati e del pezzo solistico scritto durante il primo anno si effettuerà la selezione di 12 compositori per il secondo anno del Premio.

Secondo Anno
Comprende la progettazione di un’opera in diverse parti legata al tema scelto dal Premio, ogni parte non supererà i 5 minuti e mezzo e verrà scritta per un piccolo gruppo da camera, e quindi la stesura dei brani, la selezione dei sei finalisti. Anche nel secondo anno i 12 compositori selezionati saranno seguiti, nell’elaborazione della nuova opera musicale, da compositori professionisti. Per la scrittura del pezzo si partirà da una tematica e una serie di regole comuni. Durante l’anno ci saranno quattro incontri in cui si farà il punto dell’evoluzione del progetto e si porranno le basi per l'inizio dei singoli brani, in presenza di compositori e strumentisti. Durante un workshop nel secondo semestre, verranno fatte considerazioni critiche e proposti suggerimenti di correzione per migliorare l’opera. In una data definita dal responsabile tutte le partiture dovranno essere consegnate, una giuria effettuerà l’ultima selezione dei compositori finalisti del Premio sulla base della lettura delle partiture inviate. Concluderà l'anno un concerto integrato nel programma di un prestigioso festival milanese.

Terzo Anno
Comprende, per i finalisti del Premio, la progettazione e preparazione di una nuova opera musicale di massimo 9 minuti per strumento solista e ensemble con direttore, la preparazione del concerto, la ricerca di un festival interessato a integrare le quattro creazioni nella propria programmazione, il concerto e la registrazione live delle opere da presentare in un CD.
Ognuno dei sei finalisti riceverà la richiesta di un concertino per strumento solista e ensemble di massimo 9 minuti. Anche in quest’ultima fase sono previsti almeno quattro incontri con i premiati che saranno seguiti nel corso della scrittura dell’opera commissionata. Sin dall’inizio del terzo anno si cercherà un importante festival musicale per l’inserzione nel proprio programma del concerto.
La partecipazione al Premio San Fedele è totalmente gratuita. L’intera iniziativa non ha alcun fine di lucro.

Il progetto è a cura di
Andrea dall’Asta, Direttore del Premio
e Responsabile del settore Artivisive
Antonio Pileggi, Responsabile del settore Musica

BANDO
Attraverso il Premio, la Fondazione Culturale San Fedele, con il contributo di Fondazione Cariplo, intende promuovere una produzione di nuove opere musicali di qualità in un percorso triennale, unico nel suo genere, per permettere ai giovani partecipanti di maturare un’esperienza compositiva e riflessiva che li condurrà a scrivere ogni anno un nuovo brano sempre più complesso: dal breve pezzo solistico (primo anno) al brano per piccolo gruppo da camera (secondo anno) e infine al concertino per strumento solista e ensemble (terzo anno). L'evento finale consisterà nella produzione di un concerto con un importante ensemble strumentale e solisti per eseguire le opere dei compositori finalisti e nella registrazione di un CD. Tra i finalisti, al vincitore (il candidato con il punteggio più alto realizzato nelle varie prove) sarà consegnata una statua (cm 30x12) fusa in bronzo dallo stampo donato da Lucio Fontana, appositamente realizzata per i concorsi del San Fedele nel 1951. Il punteggio finale includerà l'assiduità e la partecipazione attiva agli incontri triennali del Premio.
Il Premio si impegna inoltre a promuovere il concerto finale presso Radio, festival e associazioni concertistiche italiani e internazionali.
   
Ente Promotore
Fondazione Culturale San Fedele, piazza San Fedele, 4 – 20121 Milano. Il referente del Premio San Fedele giovani artisti è il Direttore, coadiuvato da un Responsabile di settore (Artivisive, Cinema e Musica).

Durata e luogo
Il concorso ha una durata triennale e si svolgerà presso la sede della Fondazione Culturale San Fedele, a Milano.

Candidati
Il concorso è rivolto ai giovani compositori italiani e stranieri di musica strumentale e/o vocale nati dopo l’1 gennaio 1975.

Modalità di iscrizione
Il modulo di iscrizione sarà disponibile sul sito www.centrosanfedele.net insieme al tema del Premio. I candidati dovranno far pervenire il modulo di iscrizione, debitamente compilato e sottoscritto, presso la segreteria del Premio (Premio giovani artisti, sezione musica - Piazza San Fedele 4 - 20121 Milano), con consegna a mano o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, entro e non oltre il 5 settembre 2010. Unitamente al modulo dovranno essere presentati :
- tre partiture significative del proprio percorso compositivo in quattro copie;
- la registrazione audio su CD in tre esemplari di almeno due delle partiture inviate (sono ammesse versioni MIDI, tuttavia si consiglia vivamente di fornire registrazioni audio);
- un curriculum vitae e un catalogo dettagliato delle opere;
- la copia di un documento d’identità valido.

Nota bene: il materiale consegnato all’atto dell’iscrizione non verrà restituito. In caso di selezione, il materiale potrà essere utilizzato, a discrezione del Direttore, per pubblicazioni cartacee o sul sito web della Fondazione Culturale San Fedele.
Entro il 15 settembre verranno selezionati e resi pubblici i 25 candidati del primo anno. La selezione avverrà sulla base del materiale pervenuto al momento dell’iscrizione e sarà operata dal Responsabile, che si avvarrà della consulenza di esperti del settore.

Svolgimento del concorso e regolamento.   
Primo anno: Presentazione del proprio lavoro compositivo ed elaborazione di un breve brano per la selezione del secondo anno: 12 selezionati

Fase 1. Selezione dei 25 candidati. Vedi § Modalità di iscrizione.

Fase 2. I 25 candidati selezionati parteciperanno a una serie di incontri di presentazione del proprio lavoro musicale presso la Fondazione Culturale San Fedele (vedi paragrafo “Incontri di presentazione”) e una serie di incontri formativi aventi la finalità di studiare il tema proposto dal concorso. Per arricchire i momenti formativi, saranno inoltre invitati alcuni esperti in processi creativi, in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano. Gli incontri si svolgeranno presso la Galleria San Fedele o nell’Auditorium San Fedele e sono obbligatori per la partecipazione del Premio.

Fase 3. Alla fine del ciclo di presentazione, da gennaio a marzo 2011, ogni candidato dovrà scrivere un breve brano di tre minuti per strumento solista da scegliere nella lista che verrà comunicata dal Responsabile. Ogni candidato dovrà inviare la nuova partitura in cinque copie (eventualmente corredata dalla registrazione in cinque CD) presso la segreteria del Premio (Premio giovani artisti, sezione musica - Piazza San Fedele 4 - 20121 Milano), con consegna a mano o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, entro e non oltre il 5 aprile 2011. Una giuria di 5 membri, nominati dal Direttore, che includa il Responsabile, si riunirà in aprile 2011 per la selezione dei 12 candidati per il secondo anno. Sarà valutata la nuova opera di ciascun candidato e si terrà conto del punteggio ottenuto durante gli incontri di presentazione. Nel caso di ex aequo si sceglierà il compositore più giovane. L’anno si conclude con un concerto nel mese di giugno che prevede l’esecuzione dei 12 brani scelti.

Incontri di presentazione
Gli incontri di presentazione delle opere dei candidati, aperti al pubblico, si svolgeranno presso la Fondazione Culturale San Fedele e saranno moderate dal Responsabile del settore musica e da un curatore di sua nomina. In ogni serata verranno presentati da 4 a 6 compositori che avranno a disposizione un impianto audio e un lettore di CD e dvd. Non saranno ammessi altri strumenti oltre a quelli messi a disposizione dalla Fondazione Culturale San Fedele. Il ciclo di presentazione dei lavori si svolgerà tra il mese di ottobre e il mese di dicembre, secondo un calendario stabilito dalla direzione del concorso. Per ogni incontro è previsto un momento di preparazione con i curatori e il Responsabile al quale i compositori coinvolti nella serata stessa dovranno partecipare. Il Responsabile, i curatori e i professionisti invitati esprimeranno una valutazione delle opere presentate che verrà presa in conto per la selezione dei 12 candidati del secondo anno. Nell’ultimo incontro si procederà alla progettazione del breve brano da scrivere nella Fase 4.
Nota bene: nel caso della rinuncia di un candidato, il Responsabile su segnalazione dei curatori avrà facoltà di sostituirlo a sua discrezione.

Secondo anno: Progettazione e composizione di un brano per piccolo ensemble strumentale con possibilità di utilizzo dell'elettronica, selezione dei 6 finalisti del Premio sulla base della lettura delle partiture inviate,  concerto finale.

Fase 4. Si terrà una serie di incontri tra ottobre e dicembre 2011, in cui saranno presenti i 12 giovani compositori selezionati, il Responsabile e alcuni noti compositori professionisti da lui scelti per la progettazione delle opere di massimo 5' per piccolo gruppo strumentale previste per il secondo anno. Il Responsabile sceglierà e comunicherà l’effettivo strumentale. I 12 candidati del secondo anno dovranno partecipare a una serie di incontri formativi aventi la finalità di studiare il tema proposto dal concorso per il secondo anno e si impegneranno a scrivere un'opera proposta dal Premio e in legame con il tema annuale.
 
Fase 5. Tra febbraio e maggio 2012, alcuni incontri permetteranno ai giovani compositori di  valutare l’evoluzione del proprio lavoro in presenza di compositori e strumentisti (oltre il Responsabile) in cui saranno espresse considerazioni critiche e proposti suggerimenti.
In una data fissata dal Responsabile, ogni candidato farà pervenire la propria partitura in sei esemplari con le parti strumentali, allegando un consenso alla registrazione e utilizzazione radiofonica, presso la segreteria del Premio (Premio giovani artisti, sezione musica - Piazza San Fedele 4 - 20121 Milano), con consegna a mano o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Una giuria nominata dal Direttore, che includa il Responsabile di settore, selezionerà i finalisti del Premio San Fedele giovani compositori sulla base della lettura delle partiture inviate. Faranno parte della giuria compositori e altri professionisti del settore musicale.

Fase 6: Concerto finale del secondo anno.
Il concerto finale del secondo anno verrà integrato nel quadro di un importante Festival milanese.  Per il terzo anno, la Fondazione Culturale San Fedele affiderà ai finalisti la composizione di un’opera di 9 minuti per strumento solista e ensemble. Gli strumenti solisti, l’effettivo strumentale e il nome dell’ensemble saranno scelti dal Responsabile di settore.

Terzo anno: Elaborazione dell’opera finale con concerto dei vincitori, registrazione e promozione
Fase 7: tra ottobre e dicembre del 2012, avrà luogo la progettazione delle opere dei sei finalisti,  da scrivere su una tematica proposta dal Premio. I sei candidati selezionati dovranno partecipare a una serie di incontri formativi aventi la finalità di studiare il tema proposto dal concorso. Il punteggio finale includerà l'assiduità e la partecipazione attiva agli incontri triennali del Premio.

Fase 8: tra febbraio e maggio 2013 sono previsti alcuni incontri per valutare l’evoluzione del proprio lavoro. Entro una data scelta dal Responsabile del settore musica, i vincitori dovranno far pervenire alla Fondazione Culturale San Fedele la propria partitura in tre esemplari con le parti strumentali, allegando un consenso alla registrazione e utilizzazione radiofonica.

Fase 9: L’evento finale. Al termine del percorso triennale, nell’autunno 2013, verrà organizzato l'evento finale, aperto alla città di Milano: il concerto con la creazione delle nuove opere e la loro registrazione ‘live’ in un CD. Il compositore del gruppo dei finalisti, che avrà ottenuto il punteggio più alto nelle diverse fasi di selezione, sarà proclamato vincitore del Premio San Fedele - settore musica durante il concerto finale, riceverà un esemplare della statua di San Fedele di Lucio Fontana e parteciperà a un progetto di creazione nel quadro della stagione di San Fedele Musica del 2014.

La partecipazione al Premio San Fedele è totalmente gratuita. L’intera iniziativa non ha alcuno scopo di lucro.

Nota bene: le domande d’iscrizione al concorso implicano l’accettazione incondizionata del presente regolamento. La direzione del concorso avrà diritto di decisione finale su tutto quanto non specificato nel presente regolamento.